COVID-19. IMPORTANTE: AMATA PROPONE SCREENING EMATICO

Covid-19. Fratelli d’Italia propone lo screening ematico per gli asintomatici.
On. Amata: “Validità scientifica della nostra proposta confermata dall’Università di Catania”.

“Uno screening ematico per stabilire in meno di mezz’ora se si è in presenza di un caso di polmonite da Covid o se è una polmonite non Covid”, questa la proposta che Fratelli d’Italia, per tramite del Presidente del Gruppo all’ARS, On. Elvira Amata, ha formalizzato durante la seduta d’aula di ieri, attraverso un odg accolto come raccomandazione dal Governo regionale.

“Apprendiamo con piacere che la validità scientifica della proposta avanzata da FdI da giorni all’Assessore alla salute Ruggero Razza di procedere con uno screening ematico per gli asintomatici sia stata confermata dal Professore dell’ Università di Catania Crimi.

Con questo sistema si andrebbe a velocizzare enormemente l’iter diagnostico poiché permette di ottenere una risposta in 15 /20 minuti sulla presenza nel sangue degli anticorpi rivolti al covid 19, e consente un migliore monitoraggio dei pazienti affetti da covid-19 oltre a consentire di intercettare gli asintomatici”, prosegue Amata.

“Ci aspettiamo adesso che il sistema trovi l’autorizzazione da parte dell’assessorato regionale alla salute”, conclude.

SANITÁ: NOTA AMATA-GALLUZZO

BARCELLONA (ME)- “In vista della riunione della Commissione Sanità dell’ARS che si terrà il 31 marzo prossimo, abbiamo ritenuto di volerci recare direttamente presso i nosocomi della provincia per discutere con il personale sanitario e toccare con mano la situazione dei presidi ospedalieri Covid. Riteniamo che ascoltare le considerazioni degli operatori e avere contezza del punto di vista di chi sta operando direttamente sul campo, sia essenziale per poter dare risposte alle reali esigenze sotto il profilo di criticità ed esigenze concrete”, così il Presidente del Gruppo Parlamentare di FdI all’ARS On. Elvira Amata e l’On. Pino Galluzzo (Diventerà Bellissima) entrambi membri della VI Commissione Salute, stamani in visita presso il Cutroni Zodda di Barcellona P.dG.

“Un sopralluogo utile per noi e, riteniamo, essenziale anche per far constare la presenza reale delle istituzioni a fianco di chi sta combattendo una battaglia complicata e unica nella sua criticità”, proseguono i deputati che, in tale occasione, hanno avuto modo di interfacciarsi altresì con il coordinatore dell’Emergenza Dott. Giuseppe Laganga e il Direttore Sanitario dell’Asp 5, Dott. Domenico Sindoni.

“Si stanno profondendo tutte le risorse a disposizione per efficentare al massimo i servizi sanitari straordinari e per questo un plauso va rivolto certamente anche all’Assessore Razza e all’azione forte che il governo regionale sta portando avanti sin dall’inizio. Il raddoppio dei posti letto annunciato la scorsa settimana si sta già concretizzando, e proprio qui oggi abbiamo potuto constatarlo direttamente”, concludono,  in riferimento al passaggio da 40 a 70 posti letto oltre i 10 di terapia intensiva.

AMATA SU CASSA INTEGRAZIONE PER ARTIGIANI

Artigiani siciliani in ginocchio per il Coronavirus. On. Amata (FdI): “Cassa integrazione straordinaria: Governo nazionale modifichi un accordo quadro o decine di migliaia di famiglie rischiano di restare sul lastrico “

“Accolgo con favore le rassicurazioni che l’Assessore Scavone ha prontamente fornito facendosi da tramite con il Ministro del Lavoro in merito alle misure previste ad ora dal Governo Nazionale per sostenere le aziende, rispetto alle quali avevamo avanzato come FdI più di una perplessità”, così la presidente del Gruppo Parlamentare di Fratelli d’Italia all’Ars On. Elvira Amata. “È chiaro che se a queste non seguissero risposte concrete a stretto giro di boa dal Ministro con una modifica immediata in merito agli ammortizzatori sociali ci aspettiamo che sia il governo regionale a provvedere con una speciale deroga.

Nello specifico -prosegue la Amata- la cassa integrazione in deroga anti-coronavirus è riservata agli iscritti all’Ente bilaterale dell’artigianato siciliano (Ebas), o a chi accetta di regolarizzarsi versando circa mille euro (che corrispondono ad iscrizione più un triennio di arretrato).
Va chiarito che l’Ebas é  un’associazione e che non esiste alcuna obbligatorietà per nessuno che intenda aderire ad una realtà di questo tipo di dover versare oltre le quote di iscrizione anche gli arretrati così come non vi è una perentorietà nell’aderirvi.

Si chiede, in questo momento tremendo, nel quale le pmi hanno bisogno di risparmiare o di trovare liquidità, di tirar fuori (oltretutto in un’unica soluzione) denaro per poter essere garantite e tutelate. Clamoroso!

Per tale ragione Fratelli d’Italia aveva interpellato l’Assessore Scavone che ha scritto al Ministero affinchè provvedesse alla risoluzione della questione.

Altra questione estremamente complessa muove da un aspetto non trascurabile: l’emergenza Covid è stata percepita in Sicilia solo dopo l’entrata in vigore del Cura Italia del 23 febbraio scorso e non si può ritenere di escludere i molti che hanno assunto personale in vista della stagione primaverile/estiva o con l’intenzione di continuare ad investire sulle risorse del nostro territorio dai beneficiari di misure ammortizzanti essenziali.

Bisogna immediatamente cancellare ogni rischio di danno ulteriore alle aziende, ai lavoratori, alle famiglie siciliane, pertanto abbiamo altresì chiesto di prestare particolare attenzione a quelle realtà che hanno assunto nei primi giorni di marzo e che non sarebbero contemplate tra le beneficiarie degli ammortizzatori previsti,” conclude Amata.

Emergenza COVID-19. Amata: “sportelli informativi per familiari dei pazienti e collaborazione con Ospedali Militari”

“È un momento critico connotato da estrema preoccupazione e grandi incertezze. Combattiamo contro un nemico nuovo e invisibile e questo ci spaventa ancor di più. Per questo abbiamo l’obbligo di stare a fianco di chi vive questo dramma con sempre più forza”, così il Presidente del Gruppo Parlamentare di Fratelli d’Italia all’ARS, On. Elvira Amata.

“Per tale ragione chiedo alle direzioni generali dei nosocomi siciliani che provvedano all’istituzione di uno sportello telefonico o telematico che fornisca ai parenti dei pazienti Covid positivi ospedalizzati informazioni e aggiornamenti sulle condizioni dei propri congiunti. Non è immaginabile che un nipote o una figlia ignorino che ne sia dei propri genitori, nonni o partner.

Inoltre dobbiamo fare i conti con le previsioni, le quali ci dicono che una situazione ancor più critica potrebbe arrivare a breve e noi dobbiamo essere pronti ad affrontarla al meglio. Propongo un lavoro in tandem dei nostri presidi ospedalieri con gli ospedali militari presenti sul territorio ove potrebbero trovare assistenza pazienti positivi che non necessitino di ventilazione. Potrebbero infatti ospitare i cosiddetti ricoveri ordinari. 

La strada è complicata e in salita, e dobbiamo fare il tutto per tutto per essere preparati”, prosegue Amata che, nei giorni scorsi, ha avanzato al governo regionale alcune ulteriori proposte tra cui quella di disporre il tampone con cadenza settimanale per il personale medico, agli operatori sanitari e gli operatori del 118 che operano a contatto con pazienti affetti da Coronavirus – Covid19, accolta proprio mei giorni scorsi dal Governo Musumeci. 

Il deputato membro della commissione Sanità dell’Assemblea ha inoltre raccomandato maggiori dotazioni di dispositivi di protezione per il personale sanitario e parasanitario; che si organizzino attività di telemedicina per poter monitorare i pazienti contagiati e in quarantena presso la propria abitazione; di stipulare temporaneamente delle convenzioni anche con i privati mirate a potenziare il numero delle ambulanze e automediche; di dotare gli elicotteri da Elisoccorso  del 118 di barelle di “Bio-contenimento” per il trasporto di pazienti affetti da Coronavirus – Covid19; e di creare una task force regionale con la “mission” di curare direttamente, per conto della Regione, gli acquisti necessari per accelerare i tempi di consegna del materiale da fornire ai presidi ospedalieri ed a tutto il comparto sanitario compresi i medici di famiglia, pediatri e personale del 118.

Raccolta firme sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo

dav

Sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo si è svolta la raccolta firme per le quattro proposte di legge di iniziativa popolare presso piazza Cairoli a Messina. Grande partecipazione di militanti e non , nonostante le avversità meteo e la paura da coronavirus che rende le città praticamente deserte. Un grazie particolare al Presidente della IV Circoscrizione Alberto De Luca che, amichevolmente, è stato presente per l’autentica delle firme nelle due giornate.

Proposte di iniziativa popolare: Fratelli d’Italia organizza un banchetto di raccolta firme sabato e domenica

“Nel giorno della mobilitazione nazionale per raccogliere le adesioni abbiamo scelto di allestire un presidio in periferia per dare un doppio segnale. Questo fine settimana torneremo nella piazza principale della città e lo faremo per consentire a tutti di poterci raggiungere, saperne di più e sottoscrivere proposte che riteniamo di grande importanza per il nostro Paese.
Sabato e domenica, dalle ore 9.00 alle ore 13.30 saremo a Piazza Cairoli (lato monte, pressi Bar Santoro), per incontrarci, informare, consentire a tutti di poter sottoscrivere le proposte di FdI: Elezione diretta del Presidente della Repubblica, abolizione dei senatori a vita, tetto massimo alla pressione fiscale nella Costituzione e supremazia dell’ordinamento italiano su quello europeo.
Si tratta di modificare l’architettura del nostro sistema Paese e renderlo decisamente più democratico, consentendo ai cittadini di sentirsi sovrani come la nostra Costituzione prevede”, così Pasquale Curró, coordinatore FdI della città metropolitana di Messina che ricorda: “è essenziale munirsi di un documento di riconoscimento valido”.

Raccolta firme Fratelli d’Italia Messina

Oggi, a cura del Circolo Territoriale “Zancle” è stata effettuata la raccolta firme per le quattro proposte di legge di iniziativa popolare.

Grande partecipazione popolare! W Fratelli d’Italia!!

Raccolta firme FdI a GESCAL: centralità alle periferie

“Non è un caso che nel giorno in cui, al livello nazionale, si allestiscono nelle piazze banchetti di Fratelli d’Italia per la campagna sulle proposte di legge di iniziativa popolare, noi abbiamo scelto come location del nostro presidio GESCAL”, così il coordinatore della Città Metropolitana di Messina di FdI, Pasquale Curró.

“Torneremo in centro e precisamente a Piazza Cairoli lato monte il prossimo fine settimana ma in questa giornata di sabato 22 -che è una data simbolica per il nostro Partito giacche è quella prescelta per le adesioni in tutta Italia- abbiamo voluto raggiungere i quartieri scegliendone uno simbolicamente e, nello specifico, una precisa zona. Il banco per le adesioni sarà ubicato all’incrocio tra Via Comunale San Filippo e Via Madre Teresa di Calcutta, in prossimità dell’edicola e sarà possibile sottoscrivere le proposte dalle ore 10.00 alle ore 13.00”, prosegue Curró che ricorda l’esigenza di presentarsi muniti di documento d’identità.

“Riteniamo essenziale che i quartieri acquisiscano un ruolo centrale nella vita delle nostre città e Messina, che è la tredicesima d’Italia, non può vivere due dimensioni separate: quella del centro e quella delle periferie. Anche perché le nostre periferie sono esattamente al centro, oltretutto.

Volevamo dare dei segnali forti e chiari e portare un’iniziativa di democrazia partecipata laddove spesso i cittadini non avvertono la presenza delle istituzioni come si converrebbe. Pensiamo sia un segnale certamente importante”, conclude.

Raccolta firme per proposte di legge di iniziativa popolare 15 Febbraio 2020

Sabato mattina, su iniziativa del Circolo Territoriale di Fratelli d’Italia Città Metropolitana di Messina “Zancle”, si terrà un banchetto per la raccolta di firme per le proposte di iniziativa popolare sui seguenti argomenti:

❌elezione diretta del presidente della repubblica
❌abolizione dei senatori a vita nominati dal Presidente della Repubblica
❌introduzione di un tetto massimo alla pressione fiscale nella costituzione
❌supremazia dell’ordinamento giuridico Italiano rispetto a quello Europeo

Ricorda di portare con te il DOCUMENTO D’IDENTITÀ

🔗 Dalle ore 10.00 alle 12.00 ti aspettiamo presso edicola “Zanilandia” in via comunale S. Filippo angolo Via Madre Teresa di Calcutta già 30/a

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!!

10 Febbraio – Io Ricordo

10 febbraio, il Giorno del ricordo è una solennità civile nazionale celebrata per conservare e rinnovare la memoria degli italiani vittime delle foibe e l’esodo degli istriani, fiumani e dalmati dalle loro terre.
Crimini commessi dai partigiani comunisti di Tito con la complicità dei comunisti italiani.
Dopo tanti lunghi anni in cui si è ascoltato un assordante e colpevole silenzio, il dramma delle #foibe e dell’#esodo sta venendo a galla. Quelli che ieri erano negazionisti oggi sono giustificazionisti e riduzionisti ma, ne siamo sicuri, la verità vincerà. #Ioricordo #10febbraio